La malocclusione dentale nei bambini

Anche in età giovanissima può manifestarsi una cattiva occlusione dentale

È tra i 4 e i 6 anni che mediamente i più piccoli si siedono per la prima volta sulla poltrona del dentista. Questo arco temporale è infatti il momento in cui iniziano a perdere i denti da latte, erompono i primi molari e, se presente, è possibile rilevare i primi segni di una scorretta occlusione dentale.

Una patologia di questo genere in pazienti così piccoli può essere presente a causa di alcune cattive abitudini come: succhiamento del dito, del ciuccio, di un labbro o anche di un oggetto; deglutizione atipica; onicofagia (mangiarsi le unghie).

Uno studio presentato sul Journal of the American Dental Association spiega che una cattiva occlusione nella parte posteriore della bocca (area dei molari) è presente nel 20% dei bambini che continuano a usare il ciuccio o il dito fino a 4 anni di età, nel 13% di quelli che smettono a 2-3 anni, e persino in una piccola percentuale (7%) dei bambini che succhiano fino a 1-2 anni.

Grazie a Teethan, il dentista ha oggi un prezioso alleato su cui fare affidamento. In soli 3 minuti (un tempo tollerabile anche dal bambino) e con uno strumento assolutamente non invasivo può finalmente svolgere una valutazione digitale del bilanciamento occlusale. Se necessario, lo specialista potrà quindi valutare tutti gli interventi necessari che potranno favorire uno sviluppo regolare della bocca del bambino.

Prova Teethan gratuitamente nel tuo studio!