È meglio non trascurare un trauma dentale

Il trauma dentale è un evento che può riguardare bambini e adulti e che identifica un urto, una caduta, un colpo subito a livello dei denti. Si tratta di un fenomeno particolarmente diffuso sopratutto tra i più piccoli, infatti uno studio condotto in Europa ha dimostrato che il 15% dei bambini in età prescolare e il 20-25% di quelli in età scolare ne ha subito almeno uno. Innanzitutto è giusto ricordare che nei traumi più gravi, ovvero quei casi in cui si verifica la perdita di un dente, occorre intervenire tempestivamente – nell’arco di 2 o 3 ore dal trauma – recandosi dal proprio dentista per iniziare un trattamento di recupero.

La maggior parte dei traumi può quindi essere dovuta a incidenti stradali, brutte cadute durante attività di fitness o piccole disattenzioni giocando con oggetti contundenti. Ma possono essere anche provocati da consuetudini poco corrette, come ad esempio mordere le penne o aprire le bottiglie con i denti.

Conseguenze dei traumi dentali
In generale ci sono due tipi di conseguenze: cliniche ed estetiche. Quelle estetiche riguardano l’armonia del sorriso. Un dente rotto o scheggiato può suscitare infatti grande imbarazzo e vergogna. Le cliniche, invece, si dividono a loro volta tra precoci e tardive. Il primo sintomo che si riscontra dopo un trauma è il dolore, spesso associato ad un eventuale sanguinamento. Le conseguenze tardive, che si possono manifestare nei giorni o settimane successive al fatto, sono l’eventuale cambiamento di colore del dente che diventa scuro, l’aumentata mobilità, fino all’ascesso e alla perdita del dente stesso. Ma casi di questo genere, sono davvero molto rari.

Traumi dentali e malocclusioni
Ogni trauma, come nelle diverse casistiche sopra esposte, va naturalmente ad intaccare il corretto bilanciamento occlusale. E una occlusione dentale scorretta può dar vita a problematiche funzionali – come disturbi della fonazione, della masticazione, della deglutizione o della respirazione – o articolari, coinvolgendo quindi l’articolazione temporo-mandibolare.

Grazie a Teethan è oggi possibile valutare in pochi secondi la condizione occlusale del paziente. L’esame con Teethan è semplice, veloce e per nulla invasivo.

Scopri il centro Teethan più vicino a casa tua cliccando qui.